Il sito pighin.com è realizzato per essere visualizzato su una vasta tipologia di monitor desktop e dispositivi mobile, tuttavia alcune funzionalità non sono supportate da Explorer (e non lo saranno in futuro). Ti invitiamo quindi, ad installare un browser più moderno, performante e sicuro come ad esempio Google Chrome (Scarica Google Chrome) o Mozilla Firefox (Scarica Mozilla Firefox).
Grazie

  • Ita
  • Eng
  • Deu
  • Ita
  • Eng
  • Deu
  • Chi siamo

    Pionieri
    del vino friulano
    nel mondo.

    La famiglia Pighin

    Scopri la storia

    Duecento ettari nella zona Friuli Grave D.O.C., appartenuti a una nobile famiglia friulana, sono il punto di partenza per i fratelli Luigi, Ercole e Fernando. Siamo nel 1963 e in quel decennio l’azienda, in forte crescita, sceglie l’architetto di fama mondiale Gino Valle per la costruzione dei nuovi uffici e della moderna cantina a Risano. Negli stessi anni la produzione si allarga con l’ottenimento di trenta ettari e una cantina di vinificazione a Spessa di Capriva, nella rinomata zona Collio D.O.C.

    È Fernando Pighin, insieme alla moglie Danila e i suoi figli, nel 2004 ad acquisire totalmente le proprietà delle tenute, oggi condotte con grande passione ed entusiasmo, e osservanza per i valori della terra.

    C’è un filo conduttore tra tutte le generazioni di uomini e donne Pighin: il rispetto per la terra.

    La nostra storia

    Storia
    Valori

    I nostri valori

    La terra del Friuli, dove la famiglia ha messo le sue radici, è tra le più vocate al mondo per la produzione di vini bianchi. Conosciuta per questo fino dai tempi dei romani. Ma è anche terra di confine, abitata da un popolo forgiato dal duro lavoro in campagna, necessaria premessa per un prodotto di qualità.

    Valori
    Gallo

    “Nutrite il gallo
    e non sacrificatelo,
    perché è consacrato
    alla luna e al sole.”

    - Pitagora

    Simbolo legato alla terra, il gallo personifica la luce del sole. È l’icona di nobile ruralità dell’azienda Pighin, segno inconfondibile sull’etichetta di ogni bottiglia prodotta.